close

June Beer Fest

birra artigianale in chiave pesarese


03-07-2013
Marco Astracedi

Risultati positivi, con qualche ombra, per la seconda edizione del June Beer Fest. Questo festival delle birre artigianali, tenutosi a Pesaro nel week-end tra il 21 e il 23 giugno, ha visto coinvolti quindici birrifici artigianali comprendenti una buona rappresentanza delle Marche. Si può quindi dire che questo festival pesarese – inaugurato dal Presidente della Provincia con delega alla Alogastronomia Matteo Ricci e dal vice sindaco della città Enzo Belloni – ha rappresentato (insieme al Marche Beer Festival di cui parliamo QUI) una buona vetrina di inizio estate per la produzione birraia di questa regione.

 

Oltre alla vasta panoramica di birre artigianali, questo evento organizzato da Germano Gabucci offriva varie tipologie di stand gastronomici e di artigianato insieme ad un'ampia e ricca rassegna di spettacoli (curati dal direttore artistico Giacomo Blandi) che comprendevano diverse band che si sono alternate ogni giorno sul palco con buona musica live.

 

Ma tornando al piatto Forte del June Beer Fest, ecco i birrifici presenti con i loro banconi. Gli svizzeri "Bad Attitude", che potremmo definire quasi italiani grazie alla vicinanza al confine e soprattutto alla loro forte presenza in Italia, sono l'unica presenza straniera… Insieme al giovane "Birrificio Sammarinese" che, venendo dalle falde del Monte Titano, è uno dei più prossimi alla città di Pesaro.

Da altre parti d'Italia sono arrivati i pluripremiati "Doppio Malto" di Erba (CO) e gli altri lombardi "F.lli Trami" di Brescia; il piccolo birrificio "White Dog" di Modena, probabilmente a causa delle origini inglesi del titolare e mastro birraio Steven Dawson, offre una panoramica di birre tutte in perfetto stile britannico. Dall'Abruzzo due birrifici che si sono presentati insieme, il già giustamente rinomato "Opperbacco" di Notaresco (Teramo) e il neonato "Fiscellus Mons" di Pescara.

Ci ha colpito molto favorevolmente, inoltre, il "Birrifico Olmo" di Padova, oltre che per la qualità delle sue birre pensate per un pubblico giovane, per la curatissima ed accattivante immagine aziendale. In un settore in piena espansione, come quello delle birre artigianali, la concorrenza comincia a farsi sentire e siamo convinti che per potersi sviluppare (e nei prossimi anni anche solo "tenersi a galla") sia indispensabile investire in immagine e comunicazione, cosa che il giovane titolare e mastro birraio padovano ha già perfettamente intuito.

 

Per la regione Marche era presente "Birrificio delle Fate" di Comunanza (AP) il cui nome è chiaramente ispirato alle leggende legate ai Monti Sibillini da cui il birrificio è contornato. Giustamente ben rappresentata la Provincia di Pesaro-Urbino con due birrifici produttori entrambi di birra agricola, il piccolo birrificio "Il Mulino Vecchio" e lo storico e ben più noto e importante "Tenute Collesi", il cui stand in questa occasione era gestito direttamente da Germano Gabucci, lo stesso organizzatore del festival.

Presenti anche, ma non per tutta la durata del weekend, altri birrifici: il marchigiano "Mukkeller", "Arribal" di Poggibonsi, e due rappresentanti della produzione birraia dell'Italia meridionale, il birrificio "Karma" della provincia di Caserta, e il molisano "Kashmir".

 

La loro presenza solo nei primi giorni e i motivi che sono dietro tale scelta, rappresentano le "ombre" a cui accennavamo all'inizio.

La scorsa edizione, che aveva avuto un ottimo successo, si era svolta presso la Baia Flaminia, un'area notissima e molto bella di Pesaro, frequentatissima d'estate anche senza che ci siano eventi specifici. Il grande afflusso di pubblico aveva portato anche buoni introiti ai rivenditori di birra.

Quest'anno, però, oltre al maggior numero di birrifici presenti, che da un lato aumentano l'importanza dell'evento, ma dall'altro riducono la singola fetta dei possibili introiti, ci s'è messo di mezzo il tempo, con una primavera che è stata praticamente autunnale.

La manifestazione era infatti stata inizialmente programmata dal 31 maggio al 2 giugno. Le previsioni meteorologiche, puntualmente avveratesi, davano però tempo pessimo in quei giorni. L'organizzazione del Festival decide saggiamente di posticipare l'evento, anche se questo avrebbe certamente creato qualche disguido. Questo cambio di data ha però reso indisponibile la location della Baia Flaminia e si è dovuto ripiegare (un po' in extremis, anche a causa dei soliti problemi burocratici) sulla darsena tra i due porti, area questa che pur avendo il suo fascino, circondata com'è dal mare, non ha l'appeal della famosa baia pesarese. Soprattutto, contrariamente alla frequentatissima Baia Flaminia, qui la gente deve recarcisi appositamente e la pubblicizzazione all'ultimo momento della nuova location non ha contribuito ad avere il grande afflusso di pubblico della scorsa edizione. Questo fatto, a cui si aggiunge il periodo di crisi per cui la gente è poco disposta a spendere, ha causato il malcontento di alcuni birrifici che hanno anticipatamente levato le tende.

Bisogna pur dire, però, che se fosse stata mantenuta la prima data, visto la situazione meteorologica pessima, il pubblico sarebbe stato ancor meno, e che comunque l'afflusso non è stato affatto disprezzabile, specie nella serata di sabato, tanto che tutti i birrifici rimasti, nella serata di chiusura si sono dichiarati tutto sommato soddisfatti.

 

In ogni caso si è trattato di una bella iniziativa che, ne siamo certi, con il ritorno alla Baia Flaminia il prossima anno sarà sicuramente migliore (tempo permettendo) anche perché è inoltre previsto un inedito e interessantissimo contest riservato agli homebrewers. 




L'articolo è stato di tuo gradimento? condividilo con i tuoi amici

oppure incorporalo nel tuo sito web

tipologia 1

birra artigianale in chiave pesarese

tipologia 2

birra artigianale in chiave pesarese
June Beer Fest
Marco Astracedi






Cerca nel magazine nonsolobionde.it

News ed Eventi

Rubriche

In primo piano

Video




Birre artigianali

Birrifici

Dove gustare




condividi il magazine




pagina facebook

NonSoloBionde

canale youtube




Dialoga con la redazione di nonsolobionde.it


Ti piace scrivere?
Sei un appassionato del mondo della birra?
Collabora con nonsolobionde.it!


Vuoi pubblicizzare e far conoscere la tua azienda o la tua attività?






qr code nonsolobionde.it